Banana Bread senza glutine e senza lattosio

Una ricetta per chi ama i plumcake soffici

Sarà capitato anche a voi – continuo io – di avere delle banane che diventano nere. Non è detto che siano da buttare! Anzi, se le sbucciate vedrete che dentro sono bianche (e profumatissime). Una bella alternativa al mangiarle come se nulla fosse, è farci una torta.

Zum zum zum zum zum zum zum zum

Il Banana Bread è un dolce di origine americana, anche se noi l’abbiamo assaggiato per la prima volta in una bakery a Dublino. L’ingrediente essenziale, ovvio, sono le banane (meglio se mature perchè lo rendono molto profumato) ma prende il nome bread, cioè pane, proprio perché originariamente aveva la consistenza di un pane a cassetta da accompagnare con burro e marmellata. Noi invece lo preferiamo soffice, come se fosse un plumcake. E’ una ricetta golosissima perchè, anche se non contiene nè glutine nè latte, è talmente morbido che non ne rimarrà una sola briciola. Per renderlo ancora più invitante lo abbiamo ricoperto con uno strato di ganache al cioccolato, anche questa senza latte.

Strumenti

  • Mixer con lame o pimer a immersione
  • Stampo da plumcake 30x10cm
  • Gratella o griglia per fare scolare la ganache in eccesso

Ingredienti

per 5 persone

  • 140g farina di riso*
  • 127g farina di mandorle*
  • 15g amido di mais*
  • 3 uova
  • 1 bustina di lievito per dolci*
  • 160g zucchero di canna
  • 30g di olio di mais o di semi
  • 4 banane mature  (circa 230g da sbucciate)
  • 4g gomma di xanthano (facoltativo)*
  • Spray staccante per ungere lo stampo

Ganache al cioccolato fondente

  • 145g Cioccolato fondente tritato*
  • 130ml Panna di soia*
  • 25ml Sciroppo di glucosio*
  • Gocce di cioccolato* per la decorazione

Importante: gli ingredienti con asterisco devono riportare la dicitura Senza Glutine in etichetta.

Se vuoi, puoi escludere la ganache e aggiungere 100g di cioccolato fondente tritato, o di gocce di cioccolato, direttamente nell’impasto prima di versarlo nello stampo.

Pesa insieme le polveri (le due farine, l’amido di mais, lo xanthano, il lievito). Sbuccia 3 banane e tagliale a pezzetti e frullale nel mixer insieme all’olio (la quarta la useremo per la decorazione finale). In una ciotola capiente monta le uova con lo zucchero di canna. Aggiungi poco per volta il composto di banane e olio. Poi aggiungi delicatamente le farine in tre mandate. Accendi il forno a 200°. Ungi lo stampo da plumcake con lo spray, versa il composto nello stampo e inforna. Cuoci a 180° per circa 45′. Consiglio: se hai un forno un po’ aggressivo, abbassa la temperatura a 160° e aggiungi 10-15′ di cottura. Prima di sfornare fai sempre la prova cottura infilando uno stecchino nel plumcake. Se esce pulito il banana bread è pronto. Una volta sfornato attendi almeno un’ora prima di estrarlo dallo stampo.

Mentre il plumcake è in forno, inizia a fare la ganache. In un pentolino versa lo sciroppo di glucosio e la panna e accendi a fuoco basso. Al primo bollore della panna, togli il pentolino dal fuoco, aggiungi alla panna il cioccolato tritato e mescola lentamente finché non sarà completamente sciolto. Consiglio: se puoi frulla con il pimer a immersione per qualche secondo. Fai raffreddare la ganache a temperatura ambiente per un’ora e poi in frigo per almeno tre ore. Quando sarà bella compatta sarà pronta per essere sciolta e versata sul banana bread. Poggia la gratella su una teglia con carta da forno e metti il plumcake sulla gratella. Sciogli leggermente la ganache in microonde o sul fuoco: non deve essere troppo calda, perché se no sulla torta rimane uno strato sottile e il resto scivola via (se hai un termometro alimentare la temperatura perfetta è 30°). Aiutandoti con un mestolo o con una brocca, versa la ganache sulla torta in modo da coprirla tutta. Poi mettila così com’è in frigo (con gratella e teglia) per 30′ in modo che il cioccolato indurisca. Consiglio: potrai raccogliere dalla carta da forno la ganache avanzata, conservarla per un mese in un tupper in frigo e usarla per il prossimo dolce o da spalmare sul pane. Decora la superficie del banana bread a tua fantasia con le fette di banana e, eventualmente, gocce di cioccolato.

Conserva la torta in frigo per 4-5 giorni, oppure puoi anche congelarla.

Ricordati di scattare una foto, postarla e taggarci con #brioglutenfreebakery. Ancora non ci segui? Inizia subito su Facebook o Instagram

Per altre merende golose e senza latte puoi sempre provare i nostri Tronchetti al Mais o i Veg alle Nocciole oppure scopri tutti i nostri prodotti senza latte cliccando qui.

A presto!

G & P